Skip to main content
Connect with us
Politica

Turano il Re Mida

L'assessore regionale resta centrale nel panorama politico locale, rafforzando il suo potere e blindando i suoi fedelissimi nei sottogoverni.

Pubblicato

il

Turano il Re Mida

Una sfinge democristiana; termine che lo stesso deputato alcamese non ha mai rinnegato. Ed i risultati gli danno ragione: ondivagando al Centro, con la copertura del suo padrino politico Lorenzo Cesa, Mimmo Turano è riuscito a “sopravvivere” in anni difficili per la “vecchia politica” dove altri non sono riusciti. In sella dal 1995, un era geologica per chi si muove nei Palazzi del Potere, l’ultimo decennio è stato turbolento per gli ex Dc, senza un riferimento preciso e dovendo scegliere di volta in volta dove piazzarsi; a volte con lungimiranza più spesso per opportunismo. Già nel 2008, infatti, l’ex segretario UDC lo salvó dall’abisso, riciclandolo alla Provincia dopo aver perso la corsa all’Ars, sconfitto dal trapanese Pio Lo Giudice. Anche allora Cesa lo impose nel tavolo regionale, appena 2 mesi dopo. Durante quel mandato, l’attuale assessore regionale alle Attività produttive posizionó i suoi fedelissimi nei sottogoverni di Palazzo Riccio come il fidato Gino Lo Presti all’Airgest, adesso con lui nella segreteria di via degli Emiri, piuttosto che l’armatore ed editore mazarese Nicola Lisma al suo fianco in giunta, anch’egli, oggi, ad ingrassare le fila del suo staff con la qualifica “di istruttore”. In assessorato non manca l’altro fedelissimo Lorenzo Cascio, presidente del Consiglio comunale di Salemi, legato al parlamentare sin dai tempi dei padri, in un altro ruolo fiduciario. Tutti assieme appassionatamente con la copertura del Governatore Musumeci che ha assai apprezzato il “cambio di cavallo” di Turano sei mesi prima della scadenza del mandato del predecessore Crocetta, dopo averlo sostenuto addirittura da capogruppo di maggioranza. Una mossa prevedibile che solo un allocco come il PD poteva non immaginare; Turano, infatti, ha opportunamente cavalcato l’azione di governo, in pieno accordo col suo leader romano, piazzando altri fedelissimi negli assessorati che contano come l’ex consigliere provinciale trapanese, Peppe Carpinteri, alle Infrastrutture con più di una entratura nella Liberty Lines, come l’inchiesta “Mare Nostrum” ha dimostrato, che ha pesantemente coinvolto la famiglia Morace e l’ex sindaco Mimmo Fazio, con decine e decine di intercettazioni dove gli stessi erano protagonisti delle vicende della Compagnia di Navigazione, seppur mai entrati nel procedimento penale. Ma politicamente, Turano ha capitalizzato il capitalizzabile dal suo ruolo di maggioranza; del resto, è buona prassi trasversale riciclare fedelissimi e compagni di partito nei sottogoverni. Così, in assessorato ha trovato posto Gaetano Cani, ex deputato regionale non rieletto nelle liste dell’Udc, come collaboratore diretto di Turano ed indagato dalla Procura di Agrigento nell’inchiesta “Diplomat”, trovato in possesso di 300 mila euro in contanti in una scatola da scarpe durante la perquisizione domiciliare che gli notificava il provvedimento. Nome comparso nella lista degli impresentabili redatta dalla Commissione Antimafia. Insomma, quando si deve “aiutare” amici e compagni di viaggio, non si va tanto per il sottile. Manovre che lo hanno portato ad un risultato sicuro la scorsa tornata elettorale, dopo aver sponsorizzato, con lungimiranza, la candidatura Musumeci che al momento delle nomine non ha dimenticato. A Trapani, invece, ha lavorato sotto traccia. Ai richiami “da destra” era chiaro non avrebbe risposto, salendo sul carro tranchidiano con cui intercorre una cordiale diffidenza reciproca. In Corso Italia, invece, ha piazzato il commercialista con Studio a Salemi Pasquale Fileccia nel collegio dei revisori della Camera di Commercio. Tutto legittimo per carità, ma indubbiamente un Re Mida per sé ed i suoi amici.

Da telesud3.com

Telesud, news e notizie aggiornate dalla provincia di Trapani.

Telesud 3 s.r.l. – via Isolella 13, 91100 Trapani - Direttore responsabile Salvatore Cammareri
Email: redazionetelesud3.com - Tel. 092325002 - Fax. 092324260
P.IVA: 01440320818 - TRIB. TRAPANI: 4555 - C.C.I.A.A. TRAPANI: 84190