Skip to main content
Connect with us
Politica

Trapani, approvata la mozione antifascista

Il Consiglio comunale ha dato il via libera alla mozione presentata dalla consigliere del MoVimento Cinque Stelle Chiara Cavallino.

Pubblicato

il

Trapani, approvata la mozione antifascista

Il Consiglio comunale di Trapani ha approvato la mozione antifascista predisposta dalla consigliere del M5S Chiara Cavallino. Dopo Erice anche da Trapani è arrivata la decisione di subordinare la concessione degli spazi pubblici per manifestazioni alla presentazione di una dichiarazione in cui si ripudia il fascismo. La mozione è stata approvata dal Consiglio comunale con dodici voti a favore, sette contrari ed un astenuto. Nel corso del dibattito non sono mancate le polemiche, con la maggioranza che si è di fatto divisa sul provvedimento. Da “Amo Trapani” il consigliere Giuseppe La Porta ha infatti presentato una pregiudiziale  che puntava a sospendere la discussione dell’atto, chiedendo il parere di legittimità del segretario. Ma la proposta di La Porta, sostenuta anche dai consiglieri Spada, Daidone, Toscano, Virzì, Garuccio e Gianformaggio, non è stata accolta dall’aula. Non senza polemiche. Forte disappunto per l’iniziativa della Cavallino è arrivata anche da Gaspare Gianformaggio, che oltre sui profili legati alla illegittimità, si è soffermato sulla necessità di affrontare le emergenze della città. Aspetto evidenziato anche dallo stesso La Porta, che non condividendo la scelta di dedicare una intera seduta a due mozioni, ha annunciato che rinuncerà al gettone di presenza. Dopo il dibattito in aula, alla fine il Consiglio comunale ha deciso di accogliere la mozione antifascista. Naturalmente si tratta di un atto di indirizzo. Spetterà poi alla giunta predisporre un apposito provvedimento per dare seguito a quanto deciso dall’assemblea di Palazzo Cavarretta. Scelta che potrebbe avere dei risvolti di natura giudiziaria, visto che l’ex parlamentare Michele Rallo ed il sindaco di Custonaci Peppe Bica si sono detti pronti a ricorrere alla magistratura. La seduta è proseguita con la discussione di una seconda mozione di censura contro le politiche del ministro Salvini, presentata da Giulia Passalacqua. Anche questa  mozione è stata accolta dal Consiglio comunale. Sulla seduta di ieri sera è intervenuto il segretario provinciale del Pd Marco Campagna che ha espresso soddisfazione per l’approvazione della proposta antifascista, evidenziando come “Trapani dimostri di essere ancorata ai valori dell’antifascismo”. Per quel che riguarda la proposta della consigliera Passalacqua, Campagna ha parlato di un “voto importante”, soffermandosi sul “segnale politico che arriva dalla città capoluogo e che dimostra come c’è un’opposizione sociale e politica al governo nazionale”. Di tutt’altro avviso, dalla Lega, il responsabile organizzativo Bartolo Giglio, che ha criticato il voto di ieri sera del Consiglio comunale di Trapani, evidenziando come le priorità per alcuni consiglieri, piuttosto che i problemi della città, siano Salvini e l’antifascismo. Mentre la gente comune – ha rimarcato Giglio – è attanagliata da mille problemi e non arriva a fine mese”.  

Da telesud3.com

Telesud, news e notizie aggiornate dalla provincia di Trapani.

Telesud 3 s.r.l. – via Isolella 13, 91100 Trapani - Direttore responsabile Salvatore Cammareri
Email: redazionetelesud3.com - Tel. 092325002 - Fax. 092324260
P.IVA: 01440320818 - TRIB. TRAPANI: 4555 - C.C.I.A.A. TRAPANI: 84190